gruppo di artisti molto attivo dal 2012 appartenente alla corrente che possiamo definire della “street art” in senso stretto, realizza nello spazio urbano illustrazioni spesso con un fortissimo valore site specific. La ricerca sulla storia dei luoghi dove dipingere è l’anima stessa del lavoro del Collettivo, che spesso privilegia il contenuto allo stile e che fa dell’urgenza espressiva un suo leitmotiv che ne rende inconfondibile il tratto.
Come per Fra32, anche Collettivo FX realizza nelle sale di Vicolo Folletto Art Factories una installazione di disegni e fotografie che racconta il progetto “Attenti non ha i documenti”. Si tratta della serie di dipinti realizzati su treni merci che viaggiano tra l’Italia e la Germania, attraversando il confine ormai militarizzato tra i due paesi, diventano il mezzo attraverso il quale sensibilizzare i viaggiatori sul tema tragico delle migrazioni e raccontare le storie di tanti “senza nome” che cercano una nuova vita lontano dai loro paesi di origine.

 

It’s a group of artists with an academic background and a decade of experience inside art galleries; they came to street art in 2010, the year where they began to act on the urban space with frequent and visible interventions.
Their works are strongly site-specific illustrations, therefore linked in an indissoluble way to the history and context where they are made in. The research for the place where to intervene is the real soul of those works, that find one of their distinctive characteristics in the spontaneity of the sign.

Collettivo FX realizes inside Vicolo Folletto Art Factories an installation of drawings and photographs telling the project “Attenti non ha i documenti” [“Be careful he has no documents”]. This is the series of paintings made on freight trains traveling between Italy and Germany, crossing the now militarized border between these two countries. It’s a project where the works on trains become the means to raise attention among people who see those convoys passing through Europe on the tragic theme of migration. A tool to tell the stories of many of the nameless who are looking for a new life far from their Countries of origin, with an intuitive analogy with the infamous trains transporting deportees to the Nazi death camps.

Collettivo FX