Vicolo Folletto Art Factories, Corso Garibaldi 1 - 42121 Reggio Emilia - P.IVA 0123456789 - info@vicolofolletto.it

Seguici su:

  • Instagram - Black Circle
  • Black Facebook Icon

Alex Fakso

Crossing

20 aprile - 16 giungo 2018

 

Con “Crossing”, Vicolo Folletto Art Factories da seguito al percorso iniziato con “Reggiane” e proseguito con “Chiave tripla”, un approfondimento sulle varie facce dell’arte urbana e su come questa possa entrare all’interno di spazi espositivi istituzionali.

La mostra, ha infatti per protagonista un artista proveniente dal mondo del writing, che negli anni si e affermato come street photographer, apprezzato a livello internazionale tanto per i lavori commissionati quanto in ambito espositivo, grazie alla sua instancabile capacita di sperimentare e di essere sempre un passo avanti.

Refrattario agli schemi, Fakso ha fatto del superamento dei limiti, “Crossing” appunto, una delle sue cifre stilistiche.
“Crossing" è una mostra pensata per presentare al pubblico di Fotografia Europea, l’ultima, in ordine di tempo, evoluzione del lavoro di Alex Fakso, in cui gli scatti si fondono in modo aggressivo con i supporti destinati ad ospitarli, trasformandosi così in opere concettuali.
Non solo fotografie da guardare e dalle quali farsi avvolgere e turbare quindi, ma vere e proprie installazioni.

Il contemporaneo interagisce e copre il vecchio imponendosi, “vandalizzandolo”, situazione alla quale assistiamo ogni giorno passeggiando nei centri storci delle nostre citta, cosìricchi di testimonianze del passato che lottano con ben pagati, e per questo tollerati, cartelloni pubblicitari, con le infrastrutture urbane, con i graffiti e la street art.

E proprio dai graffiti deriva il termine “crossing” che in gergo definisce la copertura irrispettosa di un’opera da parte di un altro artista.

Ma nel percorso di Alex i quadri coperti dalle sue fotografie sono testimonianza dell’esatto opposto, della creazione di una sinergia tra qualcosa che nella società attuale sarebbe probabilmente destinato al rigattiere e che attraverso uno “sfregio”, acquista nuova vitalità, valore e forza.

Una riflessione su come moderno e antico possano fondersi e valorizzarsi anche quando questa unione è traumatica, forzata ed apparentemente caotica e, in ultima analisi, anche sulla società moderna nel suo complesso, che per paura di contaminarsi con nuove culture, unica e vera linfa per l’evoluzione della specie, spesso permette che si verifichino situazioni inumane ed antistoriche.

Pietro Rivasi

curatore di "Crossing"

Note Biografiche

Alex Fakso ha iniziato la propria carriera all'inizio degli anni '90 come fotografo nell'ambito dello skateboarding. Il suo lavoro è stato pubblicato in importanti riviste quali Rolling Stone (Italia); Vice (Italia); Xplicit Grafx (Francia); Bomber (Olanda) e Corriere della Sera.

Ha preso parte a numerose collettive e  personali dal Regno Unito all'Italia.

Il suo primo libro, "Heavy Metal" è stato pubblicato da Damiani nel 2007. Nel 2011 è uscito il suo nuovo libro dal titolo "Fast or Die".

Alex Fakso  began his career in the early ‘90s as a skate photographer. His work has been published in magazines including Rolling Stone (Italy); Vice (Italy); Xplicit Grafx (France); Bomber (Netherlands) and Corriere della Sera (Italy). Alex has exhibited in group and solo shows across the UK and Europe. His first book `Heavy Metal’ was published by Damiani in 2007. In 2011, Alex published a second book through Damiani titled `Fast or Die’.